Con l’imminente Conferenza Unificata Stato Regioni, è stata recentemente consegnata la bozza del decreto contenente le norme ed i criteri per la produzione energetica dal solare fotovoltaico, che saranno  applicati a partire dal primo di giugno 2011, e per tutti gli impianti entrati in esercizio fino alla fine del 2016.

Dopo le molteplici proteste del settore, e non solo, anche l’Europa se fatta sentire con una lettera inviata al Ministro Romani da parte del Commissario Europeo per l’energia Gunther Oettinger, nella quale quest’ultimo esorta il nostro Ministro a perseguire l’obbiettivo della Direttiva 2009/28/CE, che appunto dovrebbe incentivare la produzione energetica da fonti rinnovabili, cosa che fino ad ora in Italia, forse è stata interpretata in un’altra direzione fatto sta che già la filiera coinvolta sta registrando i primi lavoratori in cassa integrazione.

Ma speriamo che da qui a pochi giorni si faccia chiarezza sulla situazione in modo da far rientrare questo allarme, che vede oltre che il mancato raggiungimento dell’obbiettivo, anche 150 mila posti di lavoro a rischio.

Anche a fronte dell’imminente emissione delle nuove tariffe, promesse per il 30 aprile prossimo, non si placano le proteste, che proprio oggi vedranno alcuni sindacati manifestare di fronte lo Sviluppo Economico, ed anche sos rinnovabili attivarsi in Piazza Montecitorio.