L’Associazione Bancaria Italiana, in una nota invita le principali associazioni di consumatori (Adiconsum, Adoc Adusbef, Altroconsumo eccetera) a partecipare ad un tavolo di dialogo e confronto sul tema del mutuo per l’acquisto della casa.

Nella nota, continua l’Abi, si sottolinea come sia necessario mettere a disposizione degli utenti consumatori informazioni chiare ed esaurienti sul tema mutuo, che il più delle volte impegna il consumatore per decenni.

Dalla scelta del tipo di contratto, a tasso fisso o variabile, ed in quest’ultimo caso esiste la necessità di mettere a conoscenza il mutuatario dei strumenti di salvaguardia che le banche mettono a disposizione dei propri clienti, come assicurazioni o prodotti che anche se caratterizzati dal tasso variabile, danno la possibilità fin dall’inizio del contratto di sapere quanto potrebbe essere l’oscillazione massima dell’importo della rata in funzione degli aumenti dei tassi d’interesse.

Insomma secondo l’Abi è fondamentale una riflessione sul tema del mutuo anche considerando che il mercato del credito ipotecario nell’ultima parte del 2010 ha fatto registrare un aumento dei mutui a tasso variabile.

Fonte www.abi.it

bilancia_300p250_MOL