Secondo la legge 21 febbraio 2011 numero 3 articolo 17 (modifiche alla legge 24/2006) lettera “d” nella regione Lombardia sarà obbligatorio indicare negli annunci di vendita o locazione immobiliare sia la classe energetica (dell’edificio o della singola unità abitativa)

che l’indice di prestazione energetica (che per edifici residenziali rappresenta il consumo di energia espresso in Kwh/metroquadro annuo).

La legge entrerà in vigore il prossimo 11 marzo e dovrebbe prevedere per chi omette tali indicazioni di prestazione energetica (sia agenzia che privato), sanzioni che vanno dai 1000 fino ai 5000 euro che saranno da versare al comune dove è situato l’immobile.

Sicuramente questo nuovo obbligo, una volta che sarà stato esteso a tutta la nazione, provocherà un’ulteriore aumento dell’invenduto (sopratutto di nuove costruzioni ma già edificate da qualche anno) in quanto vi sarà verosimilmente un discreto vantaggio per quelle abitazioni di classe A e B che verranno preferite dagli acquirenti a discapito delle costruzioni, pur nuove, di classe inferiore, che non sono poche.