Con l’entrata in vigore del Decreto Lgs numero 28 del 4 marzo 2010 dal 20 marzo del 2011, per detrminati tipi di controversie civili e commerciali, non ci si potrà più rivolgere direttamente ai tribunali ordinari, senza aver prima obbligatoriamente ricercato una soluzione amichevole attraverso l’intervento di un mediatore che sia accreditato allo svolgimento di tale attività.

Questa nuove ed interessante novità è stata introdotta per cercare di far smaltire ai classici tribunale l’enorme mole di lavoro che ad oggi fa si che una causa civile o commerciale possa durare anche decenni.

I tipi di problematiche per le quali viene introdotto tale obbligo, riguardano in particolare situazioni riconducibili a: successioni, patti di famiglia, diritti reali, locazioni, affitti d’azienda, risarcimenti di danni scaturiti da responsabilità medica e diffamazione a mezzo stampa, contratti bancari, finanziari ed assicurativi.

Inoltre tale novità sarà, dal 20 marzo 2012, applicabile anche a problematiche riguardanti il condominio, e gli incidenti stradali e nautici.

Per tutte quelle casistiche comunque di natura civile e commerciale per le quali non è stato introdotto l’obbligo della mediazione, quest’ultima e comunque utilizzabile in modo facoltativo dalle parti, cioè ci si potrà comunque rivolgere al mediatore prima di andare in giudizio.

Per maggiori informazioni il testo del decreto qui.

bilancia_300p250_MOL