Secondo una recente risoluzione dell’Agenzia delle Entrate (risoluzione_22/E 22/02/2011) le migliorie richieste dal proprietario (che acquista come prima casa) alla società costruttrice per un’immobile in corso d’opera possono godere dell’iva con aliquota agevolata al 4%.

L’Agenzia ha risposto con tale risoluzione a fronte di un’istanza effettuata da un cittadino socio di una cooperativa edilizia che edifica abitazioni non di lusso, che aveva chiesto se fosse lecito godere dell’aliquota agevolata per interventi di miglioramento, rispetto al capitolato iniziale, della sua prima casa.

L’Agenzia ha chiarito che tali tipi d’intervento possono godere dell’agevolazione iva in quanto non possono considerarsi ristrutturazione poi che effettuati su una costruzione nuova non ancora terminata, a patto che chi li richieda abbia i requisiti per godere dell’agevolazione prima casa.

Ovviamente, conclude l’Agenzia nella risoluzione di cui sopra, tali interventi possono godere dell’agevolazione, a patto che al termine di essi l’abitazione abbia ancora caratteristiche non di lusso come indicate dal Decreto 2 agosto del 1969.

bilancia_300p250_MOL