Non è uno scherzo, in provincia di Bergamo l’agente immobiliare non è solo il professionista che ci vende la casa ma anche un soggetto che può dare un attivo contributo nell’attività istituzionale di sviluppo urbanistico del territorio.

Infatti, come rende noto il presidente Fiaip Bergamo Giuliano Olivati, forse per la prima volta, il mediatore è stato chiamato ad esprimere parere sullo sviluppo territoriale di Dalmine in provincia di Bergamo appunto.

Nello specifico Fiaip bergamasca e relativo comitato dell’Osservatorio immobiliare hanno partecipato in sinergia con i tecnici Vas (valutazione ambientale strategica) e l’assessorato all’urbanistica nella persona del suo presidente Fabio Facchinetti, alla progettazione ed espansione urbanistica della zona.

Ovviamente fiero, ed ha ragione di esserlo, Olivati, che vede tale partecipazione come in primo luogo un arricchimento della figura professionale del mediatore immobiliare alla quale vengono attribuiti nuovi ruoli, tutt’altro che poco rilevanti, ed in secondo luogo la possibilità di partecipare attivamente allo sviluppo del territorio dal quale inevitabilmente scaturisce l’appetibilità del loco sotto il profilo puramente commerciale di vendita degli immobili che come ovvio se situati in zone sviluppate con criterio si vendono più facilmente.

bilancia_300p250_MOL