Stando alle previsioni degli economisti il settore dei crediti nel 2011 in Italia sarà caratterizzato da una situazione sostanzialmente analoga a quella del 2010, che ha visto grosse difficoltà per gli italiani sia per quanto riguarda l’accesso al mutuo, sia per il pagamento dello stesso.

Dati questi confermati dalle numerosissime richieste di accesso alla moratoria dei mutui, che prevede la sospensione della rata in caso di gravi motivazioni, e del Fondo di solidarietà che anche se istituito solo in 15 novembre scorso, ha già praticamente esaurito i fondi stanziati.

Quindi considerando la situazione dell’anno passato, le previsioni non sono molto incoraggianti e ci si attende un 2011 all’insegna, si, di un piccolo aumento delle richieste di credito ma certamente non in misura tale da provocare una netta ripresa del mercato dei crediti per la casa.

Ricordiamo infine che due fattori potrebbero essere fondamentali per un sostanziale cambiamento di direzione, stiamo parlando di un eventuale proroga, già auspicata da diverse associazioni, della sospensione delle rate del mutuo, ed un miglioramento della condizione occupazionale del nostro paese, fermo restando che se non vi saranno proroghe sulla moratoria e ci sarà anche un aumento della disoccupazione, la situazione potrebbe anche peggiorare e di molto.

bilancia_300p250_MOL