Passa attraverso due accordi siglati tra regione romagnola, Cnce (Commissione Nazionale Paritetica per le Casse Edili) e associazioni d’imprenditori, la semplificazione delle procedure nel campo edilizio insieme a pagamenti più veloci e meno costi per le aziende.

Tutto ciò sarà possibile attraverso procedure di dematerializzazione del Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva) atto a attestare contemporaneamente la regolarità di un’impresa in termini di adempimenti Inps, Inail e cassa Edile.
Un esperimento questo che vedrà coinvolte le Casse Edili delle città di Forlì, Cesena, Reggio Emilia, Piacenza, Modena, Bologna e Parma.

Gian Carlo Muzzarelli assessore alle Attività Produttive commenta dicendo:”la Regione intende operare per la legalità, la semplificazione e la dematerializzazione, a favore delle imprese virtuose che operano sul territorio romagnolo anche attraverso il controllo e le segnalazioni agli organi competenti per la sicurezza, per la tutela del lavoro e per la tutela della concorrenza”.

Per ora l’Emilia Romagna è la sola regione ad aver messo in pratica questa nuova soluzione semplificata legata all’utilizzo del Durc che dovrebbe portare una serie di miglioramenti sia in termini di riduzione dei tempi che dei costi grazie all’invio con posta elettronica certificata (Pec).

Aspetto non meno importante quello che da la possibilità di controllare l’operato delle imprese esaminando le informazioni riportate in questo documento.

bilancia_300p250_MOL