Se andassimo a scartabellare i processi civili ci renderemmo conto di quale sia l’enorme numero riguardante problemi e liti di condominio e quanti di essi sono inerenti alla morosità del condomino.

Sarà capitato a molti di voi di vedere nell’androne del palazzo in cui abitate il classico ordine del giorno dell’assemblea condominiale sul quale non di rado vengono riportate situazioni di mancato pagamento di uno dei condomini o anche solo le rispettive posizioni debitorie, che ovviamente possono creare situazioni d’imbarazzo.

Tutto questo d’ora in poi non sarà più possibile in quanto una sentenza della Cassazione (numero 186/11) che ha dato ragione ad un condomino che aveva chiesto i danni proprio perchè era stata affissa la sua posizione debitoria nei confronti del condominio, nelle parti comuni dello stesso.

Quindi viene finalmente stabilito il principio per il quale anche i condomini dovranno allinearsi a quella che è la legislazione in materia di protezione dei dati personali (privacy).

In poche parole il concetto stabilito dalla sentenza è stato, che pur accordando al condominio il diritto di conoscere le eventuali posizioni debitorie aperte, queste ultime non possono essere affisse nei spazi comuni del palazzo, poi che in tal modo potrebbero essere viste anche da altre persone non coinvolte nella situazione.

Che dire, mi sembra veramente giusto, non si possono mettere alla berlina di tutti i problemi economici delle persone.

bilancia_300p250_MOL