Sarà possibile presentare domanda per finanziare la realizzazione di edifici residenziali pubblici entro il 20 di gennaio del 2011. Questo è quanto deciso dall’Assessorato ai lavori pubblici sardo nell’ambito della necessità di esaudire il fabbisogno abitativo della regione, attraverso l’housing sociale.

Ricordiamo che l’iniziativa prevede l’intervento dei comuni, delle provincie, di cooperative edilizie, eccetera, al fine di realizzare progetti edilizi riducendo la spesa che normalmente andrebbe sostenuta da parte della regione nel caso di normale procedura di finanziamento per il residenziale pubblico.

Potranno essere effettuati interventi sia di recupero del patrimonio esistente (pubblico o privato), sia di costruzione nuovi quartieri, sempre nel rispetto dell’ambiente e in nome della massima efficienza energetica possibile, anche attraverso l’implementazione dell’utilizzo di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili, quali il fotovoltaicoed il solare termico.

Nello specifico sarà possibile presentare domanda entro il termine su detto, per i seguenti soggetti:

  • imprese di costruzione;
  • associazioni imprenditoriali;
  • cooperative edilizie;
  • intermediari finanziari;
  • comuni;
  • consorzi facenti parte dei comuni;
  • provincie.
bilancia_300p250_MOL