Da una recente indagine svolta attraverso l’analisi dei dati messi a disposizione da Replat (piattaforma on-line del settore immobiliare caratterizzata da un portafolglio immobili comune a disposizione di tutti gli operatori aderenti), si registra nella città di Salerno e provincia nei primi 10 mesi dell’anno una situazione in generale stabile o in flessione e quindi ancora nell’attesa di una ripresa più netta.

Nello specifico risentono di più i tagli grandi (5 locali), con un ribasso di quasi il 7% sui prezzi, mentre bi-locali e tri-locali rimangono stabili e riscuotono maggiore successo in termini di richieste effettuate (rispettivamente 29 e 34%) a Salerno città, mentre in provincia sono più gettonati tre e quattro locali, evidentemente per ragioni riconducibili al prezzo.

Localmente i più forti rialzi si sono registrati nellà città per tagli piccoli (bi-locale) con un + 20% circa di aumento medio dei prezzi, mentre gli immobili più a buon mercato si possono trovare a Battipaglia dove tutte le tipologie abitative presenti hanno segnato copiosi ribassi fino a quasi il 9% sul taglio quadrilocale, ed anche a Capaccio Paestum dove si può comprare un bi-locale per poco meno di 120 mila euro.

Di contro a Nocera tutti i tagli hanno registrato incrementi tranne il 5 locali, e la zona in assoluto più cara rimane Vietri sul mare, dove un bilocale si attesta sui 200 mila euro ed un 5 locali intirno ai 530 mila.

Sicuramente una ripresa più netta si potrà avere (non solo a Salerno ma in tutto il paese) quando miglioreranno le condizioni di accesso al credito, quelle del mercato del lavoro (ovviamente fondamentale), ed anche i prezzi degli immobili che dovranno essere più vicini a quella che è la disponibilità di chi compra; i questo ultimo ma non meno importante aspetto gioca un ruolo fondamentale il mediatore che effettua la valutazione dell’immobile.

bilancia_300p250_MOL