Un aumento del 2,2% sulle compravendite immobiliari per un totale di 227.140 abitazioni trasferite nel periodo da gennaio a giugno 2010 (livello però ancora lontano da quello del 2006 precedente alla crisi)

dato confermato anche dal totale delle compravendite immobiliari (residenziali e non) pari a 417.868, contro le 564.685 stipulate nel 2006, quindi ancora un meno 26%.

Per i mutui abbiamo invece un +4% a fronte di un totale di atti stipulati pari a 210.579 di cui 85.107 senza garanzia ipotecaria per la maggior parte erogati al sud Italia e nelle isole, e 125.472 con ipoteca. La situazione segna aumenti solo al sud, stabile al centro e negativa al nord con meno 0.5%.

Questi i dati del rapporto Compravendite immobiliari e mutui dell’Istat, che confermano l’andamento rialzista di inizio anno nel settore mutui, anche se con minore forza rispetto al primo trimestre quando si era registrato un +13.7% con un totale di atti pari a 390.233.

bilancia_300p250_MOL