Nell’ambito del seminario Abi (Associazione bancaria italiana) “Credito al credito, tra sviluppo economico ed equità sociale” svoltosi a Roma il 25 novembre scorso è stato concordato un nuovo protocollo rigurdante le linee guida per la stima degli immobili posti a garanzia ipotecaria dei crediti erogati (mutui).

Hanno partecipato ingegneri, architetti, geometri, periti, Tecnoborsa e le più importanti società di valutazione immobiliare. Obbiettivo dell’incontro quello di abbassare il rischio sull’emissione dei prestiti, adeguarsi alle norme di vigilanza imposte da Banca d’Italia, e rendere più chiare possibili le operazioni agli occhi di tutti i soggetti interessati sia essi privati che non.

Per quanto riguarda i professionisti direttamante coinvolti nell’esecuzione di tali perizie (atte a stabilire il valore quanto più veritiero possibile dell’immobile offerto a garanzia per il credito richiesto) saranno aumentati i livelli di affidabilità onorabilità e professionalità degli stessi, cercando di accostarsi sempre più agli standard europei per i crediti ipotecari, in modo da renderli più moderni e competitivi possibile.

Fino ad ora non esisteva nel nostro paese un protocollo di questo genere utile anche per dare maggiore stabilità al settore bancario dei mutui residenziali per lacquisto della casa, da sempre considerato un comparto fondamentale per lo sviluppo economico del paese e per il benessere della collettività.

bilancia_300p250_MOL