Era ora che anche i mega ricconi degli Emirati Arabi dassero un netto taglio allo spreco inconsiderato dell’energia applicando dopo interminabili trattative una direttiva datata 2007 inerente un codice per l’edilizia verde mirato a realizzare edifici a basso impatto ambientale.

Le nuove regole saranno però applicate in modo graduale e per il momento non obbligatorio per tutte le costruzioni al fine di abituare imprese e cittadinanza a comportarsi in modo da aumentare al massimo il risparmio energetico. Questo il succo delle parole di Hussain Nasser Lootah direttore Generale della Municipalità di Dubai che sottolineano l’intento di educare la popolazione al fine di ottenere una vera svolta verde che sarà certamente incentivata da grossi investimenti da parte del governo degli Emirates.

Morale della favola inutile utlizzare lampadine di calsse doppia A se poi non ci preoccupiamo di spegnerle quando la luce che producono non serve a nessuno.

Finalmente anche in posti dove i rubinetti dei bagni sono laccati in oro, sembrano aver capito di far parte dello stesso pianeta che, se non verranno presi seri provvedimenti per limitare il riscaldamento globale, prima o poi sarà sommerso dalle acque, fenomeno che purtroppo si sta già verificando in alcune zone della terra come ad esempio nelle Maldive.