Se avete deciso di acquistare la vostra nuova casa, oppure ristrutturare quella in cui già vivete o addirittura costruirvela da zero, ma non avete tutti i soldi necessari, richiedete l’accesso ad un mutuo. E la novità dove sta, direte voi.

Con Veneto banca potrete accendere un mutuo con tasso variabile, e quindi con una rata più bassa rispetto a quello a tasso fisso, pagando però sempre lo stesso importo ogni mese senza mai incorrere in spiacevoli aumenti derivanti dalle oscillazioni dei tassi di interesse.

Questo è dovuto alla tipologia del piano di ammortamento che aumenterà o diminuira la sua durata in base ai movimenti dei tassi. In pratica se iniziate con un mutuo a venti anni (questa la massima durata iniziale permessa) e nel corso del contratto i tassi aumentano, aumenterà anche il numero delle rate, e ovviamente viceversa calerà il numero delle rate al diminuire del tasso.

In linea di massima le altre direttive di questo tipo di credito sono allineate a quelle della maggior parte dei prodotti finanziari presenti sul mercato italiano, come per esempio l’obbligatorietà di stipulare contestualmente all’atto notarile un’assicurazione incendio e scoppio.

Nota bene, nel caso in cui i tassi dovessero aumentare ad un livello tale da far estendere la durata del mutuo fino a 30 anni, dal trentesimo anno in poi non sarà più la durata ad aumentare (nel caso di ulteriori aumenti dei tassi), ma di nuovo la rata come nei classici mutui di tipo variabile.

bilancia_300p250_MOL